UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE

  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
  • UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE

Codice Immobile : 458137

Commerciale vendita 49.000,00€ - Ufficio
48 mq 1 Camera da letto 1 Bagno
 
 Aggiungi ai Preferiti
Stampa
UFFICIO IN VENDITA AD ANTEGNATE
UFFICIO IN ZONA CENTRALE POSTO AL PIANO TERRA, ATTUALMENTE UTILIZZATO AD USO COMMERCIALE MA CON POSSIBILITA’ DI RENDERLO RESIDENZIALE CREANDO UN BILOCALE CON INGRESSO, SOGGIORNO CON ANGOLO COTTURA, DISIMPEGNO, BAGNO;
FINITURE: VETRI DOPPI, PORTONCINO BLINDATO, PREDISPOSIZIONE IMPIANTO CLIMATIZZATORE, TRAVI A VISTA.
OTTIMA SOLUZIONE COME INVESTIMENTO, SIA NEL COMMERCIALE CHE NEL RESIDENZIALE, IDEALE PER CHI VUOLE APRIRE UNA PROPRIA ATTIVITA’, COMMERCIALISTA, STUDIO MEDICO, GEOMETRA, ARCHITETTO, ECC…
VISITA SUL POSTO SENZA IMPEGNO!
PER MAGGIORI INFORMAZIONI CI TROVI A MARTINENGO VIA MORZENTI N° 22, O CONTATTACI AL NUMERO 0363/270722

Il primo documento scritto in cui viene fatta menzione di Martinengo è un testamento risalente al 774, nell’epoca a cavallo tra la dominazione longobarda e quella dei Franchi.

Con questi nuovi occupanti, che diedero vita al Sacro Romano Impero, si verificò lo sviluppo del feudalesimo che segnò una nova epoca per il borgo di Martinengo.

Inizialmente assegnato dalla diocesi di Bergamo, venne presto messo sotto la giurisdizione della famiglia dei Gisalbertini. Questi posero la loro dimora nel castello longobardo, a cui apportarono sostanziali modifiche tra cui un fossato ed un’imponente terrapieno difensivo, a cui si poteva accedere tramite due ingressi: la Porta del Tombino (oggi porta Garibaldi) e la Porta del Bonovo (oggi porta Giovanni XXIII), rendendolo il centro della vita della popolazione.

L’importanza che questa famiglia ebbe per il paese è ancora visibile nello stemma comunale in cui capeggia un’aquila rossa su sfondo oro, simbolo della famiglia, che ben presto sostituì il nome del casato con quello del paese stesso.

I conti Martinengo per, nel corso del XII secolo, decisero di trasferirsi nel vicino castello di Cortenuova, costruito in seguito alla concessione di quei territori da parte del vescovo di Bergamo Ambrogio Martinengo, loro parente. La loro partenza pose di fatto termine alla signoria nel paese, che acquisì l’autonomia comunale come testimoniato da documenti datati 1221.

Questa esperienza politica ebbe vita breve, dato che Martinengo venne coinvolto nelle lotte tra guelfi e ghibellini e cominciò a gravitare nell’orbita della città  di Bergamo.

Il XIII secolo si caratterizzò anche per un grande incremento demografico, dovuto in gran parte all’immigrazione di numerose famiglie in fuga dal vicino territorio di Cortenuova, borgo raso al suolo da Federico II nella battaglia di Cortenuova il 27 novembre 1237.

Caratteristiche

Agente VENDOAFFITTOPERMUTO

  • Ufficio : 0363/903871


Per saperne di più

Contatto

Loading...